Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

AGGIORNAMENTI SULLE MISURE ADOTTATE DALLE AUTORITA’ SAUDITE E INDICAZIONI AI CONNAZIONALI

Dal 1° agosto 2021 le Autorità saudite hanno ripristinato il visto turistico, ottenibile attraverso il portale VisitSaudi ( www.visitsaudi.com ), consentendo l’ingresso in Arabia Saudita condizione di esibire:

– un certificato di test PCR negativo. A partire dal 9 febbraio 2022, il test dovrà essere eseguito nelle 48 ore precedenti l’imbarco sul volo. A partire dalla stessa data, è prevista anche la possibilità di esibire il risultato di un test antigenico negativo, effettuato sempre nelle 48 ore precedenti l’imbarco sul volo. Il requisito non si applica ai minori di 8 anni;

– un certificato di vaccinazione da Covid-19 rilasciato a seguito di somministrazione di cicli completi di vaccino riconosciuti dall’Arabia Saudita. Sono da intendersi come tali due dosi di Pfizer, AstraZeneca o Moderna oppure una dose di Johnson & Johnson e i vaccini Sinopharm e Sinovac solo se accompagnati da una terza dose di uno dei vaccini Pfizer, AZ, Moderna o Johnson. Esclusivamente per visite brevi, inclusi pellegrinaggi Haj e Umrah, sono inoltre riconosciuti i cicli vaccinali composti da 2 dosi dei sieri Sinopharm, Sinovac, Covaxin e Sputnik7.

Tutti i turisti dovranno registrare la loro vaccinazione nel portale https://muqeem.sa/#/vaccine-registration/home non più di 72 ore prima del loro arrivo previsto nel Regno. Il numero di registrazione rilasciato al termine di questa procedura viene verificato dalle compagnie aeree prima dell’emissione della carta d’imbarco e dalle autorità saudite all’arrivo. A seguire, una volta giunti nel Paese, sarà anche necessario scaricare e registrarsi sull’app “Tawakkalna”, richiesta anche per l’ingresso nei locali pubblici.

Per i passeggeri internazionali in possesso di altro tipo di visto (ad esempio visto per affari), l’ingresso in Arabia Saudita sarà autorizzato secondo le seguenti condizioni:

– un certificato di test PCR negativo. A partire dal 9 febbraio 2022, il test dovrà essere eseguito nelle 48 ore precedenti (non piu’ 72 ore prima) l’imbarco sul volo. A partire dalla stessa data, è prevista anche la possibilità di esibire il risultato di un test antigenico negativo, effettuato sempre nelle 48 ore precedenti l’imbarco sul volo. Il requisito non si applica ai minori di 8 anni;

– esenzione dalla quarantena per i vaccinati, previa registrazione sul portale https://muqeem.sa/#/vaccine-registration/home del certificato di vaccinazione riconosciuto dall’Arabia Saudita (due dosi di Pfizer, AstraZeneca oppure Moderna oppure una dose di Johnson & Johnson);

– quarantena obbligatoria di cinque (5) giorni a partire dall’ingresso sul territorio saudita per i non vaccinati da svolgere presso la città di arrivo. È richiesto quindi sottoporsi ad un primo esame molecolare PCR 24 ore dopo l’arrivo e ad un secondo esame al quinto giorno dall’arrivo. Il periodo di quarantena istituzionale terminerà con la comparsa di un risultato negativo del test sull’applicazione “Tawakkalna”.

La guarigione dall’infezione da Coronavirus (Covid-19) non è considerata dalle Autorità saudite motivo di esonero dalle procedure di quarantena istituzionale.

Si attira l’attenzione sul permanere di restrizioni all’ingresso nel Regno per i passeggeri in provenienza (anche solo in transito) da alcuni Paesi indicati dalle Autorità sanitarie saudite. Per la lista completa di tali Paesi e per le tipologie di viaggio per le quali sono previste eccezioni, si rimanda al sito https://www.saudia.com/before-flying/travel-information/announcements-and-travel-updates/covid-19.

L’Autorità per l’aviazione civile saudita ha istruito le compagnie aeree di includere nel prezzo del biglietto aereo il costo per trascorrere il periodo di quarantena in una delle apposite strutture alberghiere indicate dal Ministero del Turismo saudita, nonché il costo dell’assicurazione sanitaria per l’eventualità di contagio.

Indicazioni ai connazionali

L’Ambasciata d’Italia a Riad e il Consolato Generale a Gedda monitorano con attenzione la situazione, in contatto con le Autorità locali e le rappresentanze diplomatiche degli altri Paesi europei.

Si invitano tutti i connazionali al rispetto delle misure personali di natura igienico-sanitaria utili a prevenire il contagio da coronavirus, raccomandate dalle Autorità sanitarie italiane e saudite. Dal 1° agosto 2021 l’accesso alle aree pubbliche (Centri Commerciali, Enti governativi, etc..) è limitato alle sole persone vaccinate registrate sull’app “Tawakkalna”. A partire dal 2 febbraio 2022 lo status di “Immune” sull’app “Tawakkalna”, e quindi la possibilità di accedere alle aree pubbliche, é concesso ai soli vaccinati con tre dosi di vaccino riconosciuto in Arabia Saudita. A partire dal 30 dicembre 2021 vige nuovamente nel Regno l’obbligo di utilizzare la mascherina anche all’aperto. Le trasgressioni sono punite con multe fino a 1.000 rial sauditi.

In caso di sintomi influenzali sospetti (febbre, mal di gola e difficoltà respiratorie), si raccomanda di consultare il proprio medico di fiducia o chiamare il numero 937 per indicazioni su come procedere, avendo cura di evitare contatti personali per ridurre il rischio di diffusione del virus. I connazionali risultati positivi al test PCR da COVID-19 saranno tenuti a osservare un periodo di isolamento. Per chi è vaccinato con almeno due dosi, il periodo previsto è di 7 giorni. In caso di infezione da COVID-19, si raccomanda in ogni caso la scrupolosa osservanza delle direttive impartite dalle Autorità sanitarie saudite.

Si invitano infine i connazionali a prestare massima attenzione alla verifica della validità del proprio visto o permesso di soggiorno. In linea generale, per qualsiasi problematica relativa ai visti in entrata e in uscita, è obbligatorio rivolgersi al proprio sponsor per l’assistenza e le autorizzazioni necessarie. Infatti, in Arabia Saudita, lo sponsor (che può essere persona fisica o giuridica), è l’unico responsabile della permanenza del lavoratore/visitatore straniero nei confronti delle Autorità locali.

Situazione epidemiologica in Arabia Saudita

Per aggiornamenti ed informazioni ufficiali sulla situazione epidemiologica in Arabia Saudita, si rimanda al sito internet e ai canali social del Ministero della Salute saudita e dell’Agenzia stampa ufficiale (Saudi Press Agency – https://www.spa.gov.sa/home.php?lang=en ), oltre che al sito internet dedicato: https://covid19.cdc.gov.sa e alle principali testate e canali televisivi nazionali.

Informazioni e contatti utili

I cittadini italiani possono segnalare eventuali situazioni di particolare necessità mandando un’email a riad.consolare@esteri.it o anagrafe.gedda@esteri.it (secondo la circoscrizione consolare competente a livello territoriale), indicando nome, cognome, data di nascita, nr. di passaporto, cellulare, tipo di visto, ente di appartenenza, località. Dovranno inoltre esprimere l’autorizzazione al trattamento e alla condivisione dei dati personali, come previsto dal Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati UE 2016/679.

Per assistenza consolare, il Consolato Generale è raggiungibile attraverso l’e-mail: anagrafe.gedda@esteri.it o chiamando il numero di cellulare del Funzionario di Turno attivo h24: 00966 (0)50 667 8310.

Per informazioni sulle misure adottate dalle Autorità italiane nei confronti dei cittadini italiani in rientro dall’estero e cittadini stranieri in Italia, si rimanda alla pagina dedicata sul sito del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale: Focus: Cittadini Italiani in rientro dall’estero e cittadini stranieri in Italia.

Ulteriori informazioni aggiornate in tempo reale sono disponibili sul sito “Viaggiare Sicuri” della Farnesina.