Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Cittadinanza

 

Cittadinanza

 

Cittadinanza

I contenuti in materia di cittadinanza sono disponibili sul sito del Ministero degli Affari Esteri al seguente indirizzo: 

https://www.esteri.it/mae/it/servizi/stranieri/cittadinanza_0.html

 

MODIFICHE NORMATIVE PER LA CONCESSIONE DELLA CITTADINANZA

Si informa che, a decorrere dal 4 dicembre 2018 (data di entrata in vigore della legge n. 132 del 1/12/2018), la concessione della cittadinanza ai sensi dell'art. 5 della legge n. 91 del 5/2/1992 (per matrimonio con cittadini italiani), è subordinata al possesso di un'adeguata conoscenza della lingua italiana, non inferiore al livello B1 del Quadro comune di riferimento per la conoscenza delle lingue (QCER).

L'accertamento di detto requisito va effettuato attraverso l'acquisizione di:

- Un titolo di studio rilasciato da un istituto di istruzione pubblico o paritario;

ovvero

- una certificazione rilasciata da un ente certificatore.

Al momento possono considerarsi sicuramente enti certificatori, appartenenti al sistema di certificazione unificato CLIQ
(Certificazione Lingua Italiana di Qualita'):

- L'Universita' per stranieri di Siena

- L'Universita' per stranieri di Perugia

- L'Universita' Roma Tre

- La Societa' Dante Alighieri

Potranno, pertanto, essere considerate valide ai sensi della norma citata le certificazioni di livello non inferiore a B1 rilasciate dai suddetti enti, eventualmente in regime di collaborazione con i locali Istituti italiani di cultura.

Inoltre, si ricorda che con il D.L. 4 ottobre 2018, n. 113 erano già state apportate modifiche alla legge sulla cittadinanza n. 91/1992 con l’introduzione degli artt. 9-bis e 9-ter.

Ai sensi dei suddetti articoli di legge, l'importo del contributo da versare al Ministero dell'Interno è passato da €200,00 a € 250,00 e il termine di definizione dei procedimenti di concessione della cittadinanza è elevato a quarantotto mesi dalla data di presentazione
della domanda. Tale termine si applica ai procedimenti in corso, cioè non ancora definiti al 5 ottobre 2018 (data di entrata in vigore del decreto n.113).

 


24